Innanzitutto, a cosa serve l’apparecchio ortodontico? Si tratta di uno strumento, o meglio di un dispositivo medico, con cui l’ortodontista (il dentista specializzato in apparecchi) cerca di ottenere un buon allineamento dentale e, di conseguenza, un bel sorriso.

Esistono sostanzialmente due tipologie di apparecchi per denti: fisso e mobile. La scelta dell’uno o dell’altro dipende dalla situazione, dalle necessità (anche estetiche), dall’età del paziente e dal risultato che si vuole ottenere. Le caratteristiche di questi due modelli sono ovviamente differenti e spetta al dentista la scelta definitiva, pur ovviamente considerando l’opinione del diretto interessato.

Ma veniamo ora al nocciolo della questione! Una delle domande più frequenti che i pazienti pongono ai propri dentisti in relazione all’apparecchio ortodontico è “E adesso cosa posso mangiare?

Apparecchio per denti e cibo: come comportarsi?

L’apparecchio, in particolar modo se fisso, è spesso motivo di disagio in fatto di alimentazione, dato che il cibo può restare incastrato tra i fili e i brackets, ovvero quelle placchette metalliche che vengono fissate ai denti ed entro cui viene posizionato il filo metallico che serve per spostare i denti.

 

Vuoi saperne di più sulle possibili soluzioni   per allineare i tuoi denti (anche da adulti)? Scarica l'ebook gratuito e scopri tutto sull'ortodonzia per adulti

 

Proprio per questo motivo alcuni alimenti sono sconsigliati. È bene, infatti, evitare cibi particolarmente duri (come frutta secca, torrone o pane duro) o appiccicosi (chewing gum e caramelle gommose sono quindi off limits).

Tolti questi alimenti, però, la dieta di un portatore di apparecchio può essere assolutamente normale! Bisogna solo prestare attenzione a come vengono preparati i cibi. Se, ad esempio, hai intenzione di mangiare una mela, assicurati che questa sia tagliata a piccoli pezzi. Seguendo la “regola dei bocconi piccoli” durante ogni pasto, riuscirai a mangiare serenamente.

Cerca anche di non addentare gli alimenti con i denti anteriori, ma mastica con i molari. In tal modo eviterai di causare il distacco dei fili metallici o dei brackets, dato che i molari sono denti “più forti” e quindi più adatti alla masticazione. Impara inoltre a mangiare lentamente, anche quando hai molta fame. Masticare con calma, soprattutto nei primi giorni dopo il posizionamento dell’apparecchio, ti aiuterà ad evitare di mordere semi, noccioli od ossa.

“E se invece porto un apparecchio mobile?” Beh, sicuramente nell’ambito dell’alimentazione godi di una maggiore libertà rispetto a chi porta un apparecchio fisso. Ti basterà togliere l’apparecchio appena prima di mangiare per poi rimetterlo, dopo esserti lavato i denti, una volta terminato il pasto.

Igiene orale per chi porta l’apparecchio fisso o mobile

Sia che si tratti di un apparecchio fisso sia mobile, l’igiene orale riveste un ruolo fondamentale. Tieni sempre a mente la regola che ti hanno insegnato quando eri piccolo: “per lavare bene i denti conta fino a 120”. I denti, infatti, andrebbero spazzolati per almeno due minuti, utilizzando una corretta ed efficace tecnica di spazzolamento.

Per ottenere una buona igiene orale sono poi fondamentali, oltre allo spazzolino, altri due strumenti: il filo interdentale e il collutorio.

Il primo potrebbe risultare un po’ scomodo da utilizzare, soprattutto in caso si porti un apparecchio fisso. Ma è fondamentale usarlo per rimuovere tutti i residui di cibo eventualmente presenti tra i fili, in modo da evitare irritazioni che potrebbero provocare anche un po’ di dolore. Eventualmente puoi anche avvalerti dello scovolino per ottenere una migliore pulizia tra un dente e l’altro.

Anche il collutorio è un efficace strumento per mantenere un buon livello di igiene. Ne esistono di diversi tipi: ascolta sempre le indicazioni del tuo ortodontista. È un professionista e saprà di certo consigliarti al meglio!

Se porti un apparecchio mobile, detergilo ogni volta che ti lavi i denti. Come? Usando acqua fredda, spazzolino e dentifricio; due volte a settimana, poi, lava il tuo apparecchio con specifiche pastiglie detergenti. Basta sciogliere una pasticca in poca acqua tiepida e lasciarvi immerso l’apparecchio per una decina di minuti. Così sarà pulito e libero dai batteri.

E se l'apparecchio fa male?

L’apparecchio è doloroso: cosa posso fare?” Assumere cibi morbidi e freddi, soprattutto nei primi giorni dopo il posizionamento dell’apparecchio può essere un valido aiuto. Via libera quindi a gelati e frappè! Se provi dolore cerca di non irritare ulteriormente la zona: toccare di continuo l’apparecchio con la lingua o con le dita può peggiorare il tuo problema.

A volte il fastidio a guance, lingua e labbra può essere dovuto ai fili appuntiti. Posiziona un po’ di cera sopra di essi: vedrai, andrà molto meglio! Se il dolore è molto forte, puoi anche ricorrere a degli antidolorifici. Paracetamolo e ibuprofene sono i farmaci più indicati, ma cerca sempre di non abusarne.

Ultima cosa, ma non meno importante, è la regolarità nel presentarsi agli appuntamenti! È fondamentale, infatti, seguire il programma di visite di controllo che l’ortodontista fornisce, in modo tale da tenere monitorata la situazione e per valutare che l’apparecchio stia svolgendo correttamente la sua funzione.

 

ortodonzia per adulti ebook

Topics: Apparecchio