I tuoi denti si sono macchiati e hanno perso il loro antico splendore? Non preoccuparti: è assolutamente normale!

Ma perché i denti si macchiano? Solitamente l’ingiallimento dei denti è legato sostanzialmente ad alcuni cibi e bevande. Caffè, tè, vino rosso e cioccolato (per citarne alcuni) contengono infatti al loro interno dei pigmenti, che sono appunto in grado di modificare il colore naturale dei tuoi denti.

Anche l’invecchiamento causa il cambiamento di colore dei denti: con l’andare del tempo, infatti, lo smalto tende a perdere la sua brillantezza, lasciando quindi trasparire la sottostante dentina, che possiede un colore giallo-grigiastro.

 

Come avere denti bianchi e lucenti?

Ma certo che sì! I metodi per riportare i denti al loro antico splendore sono molti e diversi. Si va dai rimedi naturali o a quelli fai-da-te che utilizzano le stesse sostanze impiegate negli studi odontoiatrici per arrivare infine alle metodiche più avanzate ed efficaci che vengono effettuate dai dentisti o dagli igienisti dentali.

Tieni sempre a mente, però, che affidarti alle cure di un professionista resta sempre la scelta migliore e soprattutto più sicura.

 

Conosci a fondo la pratica dello sbiancamento dentale?   Metti alla prova le tue conoscenze con il nostro quiz.   Scaricalo ora, è gratuito!

 

Tra tutti questi metodi di sbiancamento dentale, avrai di certo sentito parlare di alcuni dentifrici che vantano proprietà sbiancanti. Ma funzionano davvero?

Scopriamolo insieme!

 

Il dentifricio sbiancante

I dentifrici sbiancanti sono sempre più numerosi e diffusi, perché – si sa – avere un bel sorriso splendente è sicuramente un ottimo biglietto da visita! Tuttavia, questi prodotti non sono purtroppo così efficaci così come millantano le pubblicità, soprattutto se paragonati ai trattamenti professionali eseguiti dal dentista o dall’igienista dentale.

Ma come funziona il dentifricio sbiancante? I principi su cui si basa questo prodotto sono sostanzialmente due: alcuni dentifrici sono degli sbiancanti ottici, mentre altri funzionano per abrasione dato che contengono al loro interno dei microgranuli che “grattano” la superficie dello smalto.

In termini di pura efficacia, questa seconda tipologia di dentifrici risulta essere migliore per ottenere denti bianchi. Tuttavia, oltre a richiedere dei tempi di azione più lunghi, se utilizzi dei prodotti sbiancanti ad azione abrasiva per un lungo periodo c’è il rischio che lo smalto dei tuoi denti venga rovinato in maniera irreparabile.

Lo smalto, infatti, una volta danneggiato, non può più essere riformato. Ciò, come potrai immaginare, può causarti dei problemi, tra cui soprattutto un’alterata e fastidiosa ipersensibilità dentale.

Per quanto riguarda i dentifrici che sfruttano il meccanismo dello sbiancamento ottico, devi sapere che in realtà il loro effetto è molto limitato e praticamente fittizio. Questi prodotti, infatti, non sono realmente in grado di smacchiare i denti, ma riescono soltanto a “mascherare” le eventuali pigmentazioni.

Purtroppo, quindi, non potrai ottenere i fantomatici “denti più bianchi in sole tre settimane” millantati dalle pubblicità con il solo uso del dentifricio sbiancante.

 

Dentifricio e spazzolamento efficace: un binomio che funziona!

Il dentifricio tuttavia può essere comunque un valido alleato per avere denti bianchi e soprattutto sani!

L’importante però è utilizzarlo insieme a una corretta tecnica di spazzolamento.

Quindi… come si spazzolano i denti? Innanzitutto, chiariamo quando è necessario lavarsi i denti. L’ideale sarebbe spazzolarli dopo ogni pasto, lasciando passare almeno 20 minuti dall’assunzione di cibi e bavande. Tuttavia, può essere sufficiente spazzolare i denti anche solo due volte al giorno. L’importante, però, è farlo nel modo più giusto ed efficace.

I denti vanno spazzolati ogni volta per almeno due minuti. Ricorda quindi la regola: “per lavare bene i denti conta fino a 120”. Questo lasso di tempo, infatti, risulta essere sufficiente per pulire adeguatamente tutte le superfici dentarie.

Una corretta tecnica di spazzolamento prevede un movimento che deve essere sempre verticale: dovrai quindi passare lo spazzolino dalla gengiva verso il dente. Posiziona lo spazzolino con un angolo di 45° a livello della gengiva ed effettua dei piccoli movimenti in direzione verticale, esercitando una leggera pressione. E ovviamente non dimenticare di pulire anche le superfici interne e masticatorie dei tuoi denti!

 

Consigli per avere denti bianchi

Per ottenere una pulizia dei denti impeccabile la scelta migliore, in realtà, sarebbe utilizzare uno spazzolino elettrico, che risulta essere molto più efficace di quello manuale.

In commercio esistono molte tipologie di spazzolini elettrici: i migliori sono quelli che possiedono il cosiddetto movimento rotoscillante, in quanto esso garantisce una pulizia profonda rispettando però la salute dei tuoi denti e delle tue gengive.

Cerca quindi gli spazzolini che presentano sulla confezione la scritta “movimento 3D”: saranno loro i tuoi più fedeli alleati per una corretta igiene orale quotidiana!

Non dimenticare, infine, di sottoporti a controlli periodici e sedute di igiene orale professionale dal tuo dentista di fiducia. È quella la chiave per avere un sorriso bello e soprattutto sano!

 

quiz sbiancamento dentale

Topics: Sbiancamento denti