Le protesi dentarie servono a riabilitare le funzioni orali dei pazienti affetti da edentulia, cioè mancanza di denti, parziale o totale, mediante la sostituzione dei denti naturali con elementi dentari artificiali.

Alcuni tipi di interventi protesici possono essere utilizzati per correggere anomalie funzionali oltre che estetiche di forma, colore o posizione dei denti naturali.

 

Tipologie di protesi dentarie: fisse o mobili

Si possono distinguere diverse tipologie di protesi dentali:

  • Protesi fisse: la protesi fissa sostituisce gli elementi dentari naturali con protesi definitive e stabili. Le componenti sono faccette, corone o ponti cementati a pilastri di sostegno naturali, quindi non rimovibili dal paziente.
  • Protesi mobili: la protesi mobile è utilizzata per sostituire una parte o l'intera arcata dentaria. Può essere rimossa dal paziente per eseguire le ordinarie manovre di igiene quotidiana.

La protesi mobile può essere:

  • Parziale: cioè ancorata tramite ganci ai denti naturali residui o attacchi ad elementi naturali o artificiali. Di solito è formata da una struttura metallica che prende il nome di scheletrato. La presenza di attacchi metallici consente di ottenere un miglior livello di stabilità funzionale e masticatoria e richiede la necessaria protesizzazione di uno o più elementi dentari dove si inseriscono gli attacchi dello scheletrato.
  • Totale: in mancanza di denti o radici naturali residui, la protesi totale in resina, chiamata anche dentiera, sostituisce una o entrambe le arcate dentarie poggiando unicamente sulle mucose e sull'osso del paziente. La stabilità della protesi è compromessa dal graduale riassorbimento osseo e l'efficacia masticatoria è ridotta rispetto ad altre soluzioni protesiche. Tuttavia la protesi totale rappresenta ancora al giorno d’oggi una soluzione più economica e meno complessa per ripristinare le funzioni orali del paziente.

 

Soffri di disturbi gengivali? Scarica l'ebook e scopri i nostri consigli per prendersi cura delle gengive.  

L'utilizzo di materiali innovativi, come compositi e ceramiche, garantisce la validità funzionale, anallergica ed estetica del risultato.

 

Protesi combinata

La protesi combinata serve a ripristinare l'efficacia dell'arcata dentaria mediante il supporto di denti o impianti in titanio osteointegrati.

Questa protesi è rimovibile ma fissata e resa stabile da dispositivi di ancoraggio che ne assicurano una funzionalità a lungo termine.

Questo dispositivo, fissandosi a perni artificiali, offre il vantaggio di non scaricare la forza masticatoria sui denti residui, minandone progressivamente la salute e la stabilità, come avviene nel caso della protesi parziale o scheletrato.

È possibile rendere migliore la stabilità delle protesi mobili con interventi mini-invasivi, effettuabili anche in pazienti molto anziani e/o con problemi fisici. In questi casi vengono utilizzate tecniche implantologiche a cielo chiuso, senza lembi, non traumatiche e mininvasive.

Queste metodiche consentono di migliorare notevolmente la qualità di vita dei pazienti più anziani annullando gli stress psico-fisici da intervento.

 

Protesi fissa su impianti: cos'è?

La tecnica degli impianti prevede la sostituzione di singoli elementi dentali o intere arcate dentarie mediante l'inserimento chirurgico di pilastri in titanio ai quali i denti vengono ancorati in modo definitivo.

Questi sostegni artificiali integrati nell’osso mandibolare o mascellare consentono di preservare la salute dei denti ancora presenti e garantire una completa stabilità.

L'implantologia rappresenta oggi la migliore soluzione per una riabilitazione funzionale ed estetica della masticazione.

 

Protesi su impianti avvitata o cementata

La protesi su impianti può essere avvitata o cementata. Entrambi i sistemi di fissaggio sono molto efficaci e vengono scelti in funzione delle diverse situazioni cliniche che si presentano al professionista.

La rimovibilità della protesi su impianti è una grande opportunità che va mantenuta attraverso la cementazione provvisoria e la fissazione della protesi mediante microviti. In ogni momento può essere richiesta la rimovibilità transitoria del manufatto protesico dato che questi sistemi di fissazione lo permettono.

 

Faccette dentali

L'applicazione di faccette in porcellana sui denti naturali anteriori è la tecnica che permette di correggere gli inestetismi. Questi possono essere causati da fratture, anomalie di forma e dimensione, difetti di posizione (come un eccessivo spazio fra i denti) o alterazioni di colore.

Le faccette sono costituite da un sottile strato di porcellana incollato sulla superficie visibile del dente. Questo tipo di intervento, minimamente invasivo, è in grado di offrire un risultato estetico eccellente, duraturo e stabile nel tempo.

L'ausilio dello zirconio e della ceramica integrale permette di aumentare la traslucenza dei manufatti protesici ottenendo risultati estetici di assoluta naturalezza.

Gli intarsi in ceramica o composito permettono a loro volta di sostituire anche le obsolete otturazioni in amalgama offrendo garanzie di bio-compatibilità e un'ottima resa estetica.

 

ebook come avere gengive sane

Topics: Protesi